ARCO 2018, DUE BELLE PARTITE E UN DISASTRO

Arco per articolo

di Giulio Simeone

Roma, 4 giugno 2019


In quest’articolo mostro e commento estesamente le prime tre partite che ho giocato nell’ottobre 2018 al consueto Festival Internazionale di Arco, che si svolge con cadenza annuale. Ad Arco dal 2012 al 2018 ho disputato ben otto tornei, e ci vado sempre volentieri per tutta una serie di motivi: la meravigliosa natura circostante, vicina sia alle montagne che al lago di Garda; la bellezza e la pulizia della città di Arco e di quelle limitrofe; dal punto di vista scacchistico, la presenza di molti forti giocatori. Si può dire che questo torneo mi sia andato complessivamente abbastanza bene, con 4 vittorie, 2 pareggi, 3 sconfitte; ho giocato con quattro forti giocatori over 2100 e sono riuscito a pareggiare con due di loro, Carlo Luciani e Marco Lezzerini, mentre gli altri due, entrambi tedeschi, mi hanno battuto facilmente. Nelle altre partite contro giocatori da 1550 a 1820, quattro vittorie a seguito di partite energiche e abbastanza ben giocate, e purtroppo una sconfitta contro l’altoatesino Thaler, autore comunque di un ottimo torneo.

Una lineare vittoria, un lusinghiero pareggio, una rapida sconfitta

Nella prima partita che vi mostro qui sotto, contro un avversario dal punteggio molto più basso, mi sembra di aver incrementato il mio vantaggio in modo lineare fino ad ottenere una posizione vinta, ho “ballato” però un po’ intorno alla quarantesima; nella seconda partita ho ben contenuto il gioco del Maestro Carlo Luciani di Monfalcone, mancando nel finale di torri una buona occasione per ottenere una posizione vinta; nella terza partita purtroppo ho commesso subito una brutta svista, e sono stato rapidamente sconfitto da un forte tedesco; però l’analisi della partita è interessante a causa di una mossa che, a seguito di varianti abbastanza complicate, mi avrebbe assicurato un buon controgioco per il pezzo in meno.

Le partite su scacchiera interattiva

Le partite sono tutte visionabili su scacchiera interattiva tramite il sito Lichess. Nelle mie analisi ho sempre tenuto conto delle valutazioni del computer, ma le ho arricchite con estese considerazioni di carattere tattico e strategico, e talvolta anche raccontando ciò che provavo durante la partita. Spero di trovare prossimamente il tempo di raccontare anche le altre partite del torneo!!

1° turno: pedone in più, finale vinto e poi un po’ di paura

2° turno: il Maestro ben contenuto e poi graziato nel finale

3° turno: svista alla nona mossa, salvarsi era difficile ma non impossibile

SCACCHI, Highlights
Giulio Simeone

Informazioni su Giulio Simeone

Giulio Simeone is a web journalist based in Rome, Italy. He graduated in Mathematical Sciences in 2002, then he worked several years as a software developer and later, around 2010, began to turn his efforts to journalism. Now he writes for the web magazines www.sociale.it and www.socialplace.it, that are published by the company he works for. He speaks fluent Italian, English, and Spanish, his e-mail address is [email protected]

Precedente FISCHER, IL CAMPIONE INDISCIPLINATO Successivo INACCESSIBILITÀ TORNEI SCACCHI A ROMA, LETTERA AL PRESIDENTE E RISPOSTA